Tutte le news
DUE CINQUANTENARI PER RICORDARE DOVE E' NATO IL MITO DELL'AMARONE

DUE CINQUANTENARI PER RICORDARE DOVE E' NATO IL MITO DELL'AMARONE

MILANO, 29 NOVEMBRE 2017

Grande successo dello “Special Vintage Tasting” che per la prima volta ha visto protagoniste 6 annate storiche (1958, 1967, 1975, 1986, 2008 e 2009) dell’Amarone Classico Bertani.

“Se, paradossalmente ma non tanto, si dovesse perdere la ricetta dell’Amarone della Valpolicella solo un’azienda di questa straordinaria denominazione sarebbe in grado di garantire la sua riproduzione grazie ad una coerenza produttiva, un rigore stilistico, il massimo rispetto della più autentica vocazionalità di un territorio e dei suoi vitigni. E questa azienda è la Bertani che ha impresso l’autenticità di questo grande vino nel suo codice genetico”. Abbiamo scelto questo commento tra i tanti che hanno accompagnato lo straordinario “Special Vintage Tasting” che il 29 novembre scorso, per la prima volta, in una sala gremita del Westin Palace Hotel di Milano, ha visto protagonisti 6 annate storiche (1958, 1967, 1975, 1986, 2008 e 2009) dell’Amarone Classico Bertani.

Un evento straordinario per celebrare due Cinquantenari speciali di casa Bertani: le “50 Vendemmie – 1958-2008” e l’immissione sul mercato dell’annata storica 1967. Occasione anche per raccontare la storia di un’azienda unica nel panorama vitienologico italiano che fin dalla sua nascita ha privilegiato la cultura del fare rispetto a quella del comunicare ma che oggi, erede e custode di un’esperienza imprenditoriale straordinaria, deve sempre di più diventare anche un patrimonio da condividere con il territorio al fine di potergli garantire una maggiore autentica impronta identitaria”.

La verticale è stata guidata magistralmente da Luciano Ferraro, caporedattore del “Corriere della Sera” ed autore del blog “Corriere DiVini”, tra i più acuti osservatori e narratori del vino italiano.

Presente in sala anche il bravo enologo piemontese Ernesto Barbero, primo enologo della Bertani, oggi ottantaquattrenne, per raccontare la storia di una sfida difficilissima ma vinta.